9 lezioni online. L’invito agli altri insegnanti ad andare a scuola (sono aperte) per la didattica online

Le scuole non sono chiuse, sono sospese le attività didattiche fino al 15 marzo. Molti insegnanti e docenti, in modo facoltativo, sono a scuola e nelle Università a sperimentare ed avviare la didattica a distanza. Il nostro invito è agli altri professori ad andare a scuola per cercare, dove possibile, insieme ai tecnici informatici dell’istituto di dar vita alle lezioni online, perché il diritto allo studio deve essere garantito agli studenti. https://www.key4biz.it/9-lezioni-online-linvito-agli-altri-insegnanti-ad-andare-a-scuola-sono-aperte-per-la-didattica-online/293569/

Monopattini elettrici: ecco le nuove regole

Via libera alla circolazione dei monopattini elettrici in tutto il Paese con nuove regole. Lo spiega in questo video l’ex ministro dei Trasporti Danilo Toninelli, “padre” del decreto che a luglio 2019 ha stabilito le regole per utilizzare nelle nostre città e sulle nostre strade questi innovativi veicoli della micromobilità.
https://www.economyup.it/mobilita/monopattini-elettrici-ecco-le-nuove-regole-video/

Mary Poppins, fallita la società del musical: addio rimborsi agli spettatori. Spariti i soldi dei ventimila biglietti venduti

Lo spettacolo dedicato alla tata magica resa celebre dalla pellicola Disney, dunque, chiude definitivamente i battenti. La notizia arriva dal Tribunale di Modena: come si può leggere dal Portale dei Fallimenti (Fallimentimodena.com) tra le ultime procedure dichiarate, in data 27 febbraio 2020, World Entertainment Company Srl., con sede in via Val Padana 81 a Modena, spicca tra le società in fallimento.

Forfait dei camionisti, non vogliono guidare in Italia per timore del coronavirus

Un mezzo pesante, proveniente dalla Germania è rimasto fermo al Brennero. “Si registrano le prime conseguenze extra sanitarie dovute alla diffusione del Coronavirus: un mezzo pesante, proveniente dalla Germania, che avrebbe dovuto consegnare materiali a Gorizia per i lavori di sistemazione di una scuola, è rimasto fermo al Brennero, perché non si trovano autisti disposti a guidarlo in Italia”. Lo rende noto il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, informato dell’accaduto dai propri uffici municipali. Secondo quanto si è appreso, i conducenti del Tir non sarebbero soltanto impauriti dalla possibilità di contrarre il virus, ma vogliono evitare l’eventuale quarantena che potrebbe essere loro imposta al rientro in patria, fermandosi così per 15 giorni.

1 35 36 37 38 39 82